Come utilizzare correttamente la vaporiera in cucina

In questo breve articolo vogliamo oggi trattare il funzionamento degli apparecchi per la cottura a vapore, approfondendone le numerose potenzialità.
Vi consigliamo innanzitutto di approfondire questa salutare tecnica di cottura visitando il sito sceltavaporiera.it

Perché scegliere di cucinare al vapore

La tecnica della cottura a vapore rappresenta una modalità davvero salutare, che consente di mantenere intatte le proprietà degli alimenti, mangiando sano e leggero.

Nel processo di bollitura l’acqua aggredisce le pareti cellulari degli alimenti, disperdendone i sali minerali e il contenuto vitaminico. Più prolungato è il tempo di cottura e più gli alimenti vengono impoveriti dei loro nutrienti, perdendo soprattutto le loro proprietà antitumorali e digestive. Lo stesso succede anche con la cottura in padella e in forno, che spesso aggiungono sostanze grasse.

La cucina a vapore risulta invece più sana e leggera poichè priva di olii e grassi. Essa consente di mantenere elevato il quantitativo di acqua e vitamine presente nelle pietanze, dato che non sono soggette ad un processo di cottura “aggressivo“.
Grazie alla cottura a vapore, invece, il contenuto di sali minerali e di vitamine resta inalterato, perdendo solo il 5% al massimo dei suoi nutrienti ed assicurando un elevato grado di digeribilità.

Da quali parti è costituita una vaporiera

La vaporiera elettrica è in genere composta da diversi cestelli impilabili, così da permettere la cottura simultanea di più alimenti. Ecco di seguito le parti di cui le classiche vaporiere sono solitamente costituite:

  • Una base con il pannello comandi, che contiene la vaschetta in cui mettere l’acqua, l’erogatore del vapore e il motore d’avviamento.
  • Vassoio da posizionare sopra alla base. Esso ha una duplice funzione; ha una zona per la diffusione del vapore ed un vassoio per raccogliere le gocce di condensa che colano dai cestelli quando l’apparecchio è in funzione.
  • Un cestello con la base traforata per lasciar filtrare il vapore fra un alimento e l’altro.
  • Una vaschetta chiusa: questa è specifica per la cottura del riso.
  • Per il contenimento del vapore è sempre presente un coperchio dotati di fori di areazione.

Quali alimenti cuocere a vapore?

Quasi tutti i cibi possono essere cucinati con la tecnica della cottura vapore: questo rende la vaporiera un articolo versatile ed assai prezioso nelle nostre cucine.
I migliori risultati si ottengono con le verdure, ma è ottimo al vapore anche il pesce, così come i molluschi e i frutti di mare.
Anche le carni – sia rosse che bianche – preparate mediante cottura a vapore risulteranno assai morbide e ricche di gusto.